· Città del Vaticano ·

I soccorsi sono partiti in ritardo

Quindici morti in un naufragio in Libia

12 ottobre 2021
Tripoli , 12. I timori di ieri in merito al naufragio di una imbarcazione con centinaia di persone a bordo al largo della Libia sono stati, purtroppo, confermati. «I corpi di 15 migranti sono stati recuperati» quando due imbarcazioni sono arrivate nella notte alla base navale di Tripoli. Lo riferisce l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr), confermando l’allarme lanciato da Alarm Phone. Altre 177 persone state tratte in salvo e ricondotte in Libia, nonostante il Paese non sia considerato un porto sicuro da Onu e organizzazioni umanitarie. «Tragica perdita di vite», ha affermato l’Unhcr, sottolineando che il gommone — con a bordo donne incinte e dieci bambini — per diverse ore era andato alla deriva senza ricevere aiuti. I migranti, partiti la notte prima da Zuara e Al Khoms, provenivano per lo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno