· Città del Vaticano ·

La casa del cavallo azzurro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 ottobre 2021
«Il malato non è solo un malato, ma un uomo con tutte le necessità. Non dovete, anzi non dobbiamo dimenticarlo mai». Questa l’intuizione principe di Franco Basaglia, il geniale psichiatra veneziano iniziatore di un percorso epocale che avrebbe ridato centralità alla persona con la malattia, portato alla deflagrazione dell’istituto manicomiale, rilanciato il concetto stesso di terapia che non è solo farmaco, ma «azione, è comprendere e farsi carico dei bisogni radicali delle persone: il bisogno di avere una casa, un lavoro, uno stipendio, degli affetti, delle relazioni». Una società civile, per dirsi tale, deve accogliere ragione e follia e il solo modo per trattare la profonda sofferenza della follia, è «farla riconoscerla come tale sia al malato che al suo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno