· Città del Vaticano ·

Il teatro

«Chille» di San Salvi

12 ottobre 2021
Un ex-manicomio “invaso”, abitato da una compagnia teatrale. Detto così sembra un’utopia, ma a Firenze è successo davvero. E la cosa più sorprendente è che non si tratta di una residenza artistica provvisoria, ma di un’“occupazione” iniziata alla fine degli anni Novanta e non ancora terminata. «Chille de la balanza» è una storica compagnia di teatro di ricerca nata a Napoli nel 1973, riconosciuta e finanziata dal Ministero della Cultura, la Regione Toscana, Comune di Firenze e Città metropolitana. I «Chille» risiedono dal 1998 a San Salvi, ex-città manicomio: così decise l’ultimo direttore, Carmelo Pellicanò, che volle collegare l’uscita dei “matti” con l’ingresso della città nei luoghi che avevano abitato. Per favorire questo processo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno