· Città del Vaticano ·

L’appello di dieci Paesi dell’Ue

Per un nucleare sostenibile

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 ottobre 2021
Bruxelles, 11. In Europa si torna a parlare del nucleare. Dieci Stati membri dell’Ue hanno sottoscritto e pubblicato un documento a favore dell’energia nucleare. Il testo è firmato dalla Francia, con il ministro dell’Economia, Bruno le Maire. Ad essa si aggiungono Bulgaria, Croazia, Finlandia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Secondo questi Paesi, il nucleare potrebbe svolgere «un ruolo fondamentale contro il riscaldamento globale». Inoltre, «contribuisce all’indipendenza delle nostre fonti di produzione di energia ed elettricità». Dall’altro lato, alcuni ambientalisti e Paesi come Germania o Austria restano storicamente contrari. Perché il tema del nucleare è così dibattuto? Come fa notare il think-tank Tortuga, «rispetto alle altre ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno