· Città del Vaticano ·

Stupore e dolore

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 ottobre 2021
In una rovente estate Matia, 14 anni, vive l’uscita dall’età dell’innocenza e si addentra con un misto di stupore e dolore, di tristezza e pietà nell’intricato e oscuro mondo degli adulti. Matia è orfana di madre e con un padre da qualche parte. È stata espulsa per indisciplina da un collegio e l’ha presa con sé la nonna in attesa di iscriverla ad altro istituto. Tutto però è incerto in Ricordo di un’isola di Ana María Matute (Roma Fazi, 2021, pagine 150, euro 17, traduzione di Maria Nicola): il dove, il quando, perché è in corso in Spagna una guerra civile di cui arrivano gli echi nell’isola delle Baleari dove vive la vecchia signora Praxedes, rigida, arcigna e ricca proprietaria terriera che domina con altezzosità sui coloni che lavorano per lei e sugli ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno