· Città del Vaticano ·

Sapere per convivere nella diversità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 ottobre 2021
«La grande sfida del mondo contemporaneo è trovare modalità di convivenza nella diversità: tra le diverse anime, culture, religioni ed etnie che compongono le nostre società, così come all’interno delle stesse comunità e del mondo ebraico. È nostro preciso compito ascoltare chi la pensa in modo differente da noi, mediare per valorizzare le affinità e punti di comunanza». Nel suo messaggio per la xxii Giornata europea della cultura ebraica, Noemi Di Segni, presidente dell’Unione comunità ebraiche italiane (Ucei), auspica che l’evento sia «un ulteriore tassello per favorire un dialogo interculturale sempre più necessario», nella convinzione che «questa sia la strada maestra per un fattivo e positivo accrescimento di tutta la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno