· Città del Vaticano ·

Analisi

Tokyo e il rebus del voto anticipato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 ottobre 2021
Il Giappone ha un nuovo primo ministro. Si tratta di Fumio Kishida (nella foto, ndr), appena eletto alla guida del Partito Liberal Democratico (Ldp). Kishida, sessantaquattro anni e un’esperienza politica maturata nei cinque anni in cui ha ricoperto l’incarico di ministro degli Esteri, traghetterà il Giappone verso le elezioni generali nella speranza di essere riconfermato. Il suo predecessore Yoshihide Suga si è dimesso, dopo poco più di un anno di mandato, principalmente a causa della gestione della pandemia e dell’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo. Kishida, che segue una linea politica moderata e di centro-sinistra, dovrà mediare tra i veterani ed i riformisti del partito per evitare che l’Ldp si avvicini eccessivamente al conservatorismo oppure al progressismo provocando spaccature interne. Alcuni ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno