· Città del Vaticano ·

Il Nobel per la letteratura Abdulrazak Gurnah

Appartenenza e sradicamento

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 ottobre 2021
Erano gli anni Sessanta del secolo scorso quando Abdulrazak Gurnah lasciò Zanzibar (ora parte della Tanzania), dove era nato nel 1948, per riparare come rifugiato in Gran Bretagna, dove attualmente vive: insegna letteratura all’università del Kent. Aveva diciotto anni: una sanguinosa rivolta che vide i militari rovesciare il governo del Paese non gli lasciò scelta. Doveva fuggire all’estero per evitare il peggio. Un’esperienza dura, che lo ha segnato profondamente ma che gli ha anche dato “il materiale biografico” sul quale imbastire e costruire la sua produzione letteraria, ieri premiata con il Nobel. La motivazione del riconoscimento sottolinea che l’autore ha saputo illustrare senza indulgere a compromessi gli effetti del colonialismo, come pure è stato in grado di descrivere, con un’analisi rigorosa, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno