· Città del Vaticano ·

Il polmone del mondo sempre più colpito da sfruttamento e deforestazione

Allarme Amazzonia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 ottobre 2021
Ultimamente, all’interno del grande e serio tema del clima, spunta il nome dell’Amazzonia, zona al centro degli interessi di Papa Francesco. Questa enorme foresta preoccupa da anni gli scienziati, a causa della siccità e della conseguente deforestazione dell’area. Recenti studi mostrano come alcune parti dell’ecosistema tropicale stanno rilasciando più carbonio di quanto ne trattengono. Inoltre, il prosciugamento delle zone umide e la compattazione del suolo, a causa della deforestazione, possono aumentare pericolosamente le emissioni dell’ossido di azoto (anche questo è infatti un gas serra). Kristofer Covey, docente di studi ambientali a New York, ha reso noto che l’Amazzonia sta contribuendo pericolosamente al riscaldamento mondiale. Il danno è grave e va arginato, prima che sia troppo tardi. Per tutti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno