· Città del Vaticano ·

Dal 2009 al 2018 il 14% è andato distrutto

A rischio la barriera corallina

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 ottobre 2021
Washington, 7. Nuove conseguenze disastrose del riscaldamento globale. Dal 2009 al 2018 il 14% delle barriere coralline è andato distrutto. Si tratta di una superficie di circa 11.700 chilometri quadrati. A renderlo noto sono l’International Coral Reef Initiative e la Global Coral Reef Monitoring Network. Trecento ricercatori hanno pubblicato l’analisi più completa mai effettuata. 40 anni di lavoro, 12mila siti in 73 Paesi, 2 milioni di dati. Il report è stato finanziato anche dal programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Se da un lato le barriere coralline occupano solo lo 0,2% dei fondali oceanici, dall’altro esse ospitano un quarto di tutta la fauna e la flora marina. «Almeno un miliardo di persone dipende dalle barriere coralline per nutrirsi, proteggersi da tempeste e erosioni», sottolineano ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno