· Città del Vaticano ·

Nel cuore dell’Amazzonia brasiliana grazie all’iniziativa dei salesiani

Una casa di accoglienza per i bambini indigeni

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 ottobre 2021
Si respira aria di gioia e di grande soddisfazione a Lauaretê, a 1.200 chilometri da Manaus, raggiungibile solo via fiume, nell’Amazzonia brasiliana, dove da qualche settimana è operativa una casa di accoglienza per i bambini indigeni. Si tratta di un progetto avviato cinque anni fa dai salesiani e che adesso è diventata realtà. L’iniziativa è stata portata avanti in questo piccolo villaggio, dove padre Roberto Cappelletti è stato responsabile della comunità. «Appena arrivato qui nel febbraio 2015 — ricorda il missionario — mi sono subito reso conto della situazione precaria di abitazione nella quale vivevano da ormai 10 anni i salesiani. Un sottotetto coperto da lamine di zinco, con temperature che arrivavano ai 40 gradi durante il giorno, un ambiente infestato da pipistrelli, topi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno