· Città del Vaticano ·

L’avventura della fede

Un chierico teatino tra i popoli della Mingrelia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 ottobre 2021
«Questo palazzo ospitò nei secoli xvii-xix la tipografia della Congregazione De propaganda fide il cui primo testo pubblicato nel 1629 fu il dizionario georgiano-italiano composto da Stefano Paolini e Nikifor Irbach. Ambasciata di Georgia in Italia +S.P.Q.R. 2011». È la frase incisa nel marmo della lapide posta al civico 17 di Salita del Grillo, sulla facciata di Palazzo Veniero. Siamo nel cuore del centro storico di Roma e in pochi ricordano che questo è stato anche il cuore del cattolicesimo nei secoli in cui dall’Urbe partivano centinaia di missionari alla volta delle destinazioni più remote. E tra le tante terre da evangelizzare vi era, nel Seicento, anche la Georgia, l’antica Colchide della mitologia greca. La Santa Sede decise infatti di istituire la Missione dei padri teatini in Georgia in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno