· Città del Vaticano ·

Caritas e Sant’Egidio per l’educazione dei ragazzi disagiati in Benin

Solidarietà tra i banchi di scuola

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 ottobre 2021
Quaderni, matite, pennarelli, grembiuli: beni di prima necessità educativa che purtroppo tante famiglie povere in Benin non possono permettersi di comprare ai propri figli, restando la priorità assoluta quella di dare da mangiare a tutti. Per affrontare tale drammatica situazione, aggravata adesso dalla pandemia di coronavirus, le organizzazioni cattoliche attive nel paese d’Africa centrale hanno avviato diverse iniziative di aiuto destinate a finanziare gli studi e l’acquisto del materiale scolastici per i bimbi. «Molti genitori stanno affrontando situazioni molto difficili», commenta con amarezza don Philippe Sanhouekoua, direttore nazionale della Caritas Benin. Queste famiglie, prosegue il sacerdote, «non possono permettersi un pasto decente al giorno, figuriamoci comprare materiale scolastico o pagare ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno