· Città del Vaticano ·

Il romanzo «Peste» di Ljudmila Evgen’evna Ulickaja

Meglio chiamarla influenza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 ottobre 2021
Negli scorsi mesi è uscito a Mosca un libro intitolato Peste (Izdatel’stvo ast - LitRes, Mosk-va, 2020, 229 rubli, pagg. 70), della scrittrice Ljudmila Evgen’evna Ulickaja, conosciuta anche in Italia, essendo state pubblicate alcune sue opere da Einaudi e da La Nave di Teseo. In un’intervista rilasciata alla rivista moscovita «Esquire» l’autrice spiega la storia di questo lavoro che nasce come una sceneggiatura scritta nel 1978, avente per oggetto un’epidemia a Mosca nel 1939 «poco conosciuta in Urss», dice la stessa la Ulickaja, la cui notizia circolava solo in ristretti ambienti sanitari. Il testo fu presentato a Valerij Frid per l’ammissione a un corso di drammaturgia a Mosca ma non venne accolto con la motivazione che «non c'era niente da insegnarle, che sapeva già tutto». La ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno