· Città del Vaticano ·

l’arte

Perugino e il sacco

05 ottobre 2021
Verso la fine del Quattrocento, quando Perugino è all’apice della carriera, può permettersi di far eseguire parte delle sue commissioni dai suoi più fidati collaboratori e scegliere per sé le opere che preferisce. Tra queste spicca la Madonna in adorazione del Bambino,meglio conosciuta come Madonna del sacco. La Vergine è ritratta in ginocchio, tra un angelo e san Giovanni Battista infante. L’artista conferisce alla Madonna un’evidenza monumentale nel segno di una devozione che si specchia nella grandezza della figura che domina la tela. Quella di Perugino è una devozione sincera, come attestato dallo stile pittorico, che rifugge da un pietismo manierato e sdolcinato, per privilegiare il senso un raccoglimento serio e ponderato. La Madonna è ritratta non frontalmente, ma quasi di profilo: ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno