· Città del Vaticano ·

Nella Sala Clementina

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 ottobre 2021

Una tavola rotonda nella Sala Clementina intorno alla quale siedono rappresentanti delle principali religioni mondiali: il “padrone di casa”, Papa Francesco, ha pensato a questo significativo gesto di ospitalità che restituisce un’immagine di eguale dignità per tutti i partecipanti in occasione dell’incontro odierno in Vaticano sul tema «Religions and Education: Towards a Global Compact on Education». Accanto a lui il patriarca ecumenico Bartolomeo i e il Grand imam di Al Azhar, Ahmad Al-Tayyeb, per l’islam sunnita; e poi il rabbino Noam Marans, dell’International Jewish Committee for Interreligious Consultations, e l’ayatollah Seyed Mostafa Mohaghegh Damad, da Teheran; il metropolita Hilarion, della Chiesa ortodossa russa; Maria Habito, in rappresentanza del maestro buddista Hsin-Tao; i rappresentanti del sikhismo Rajwant Singh; del jainismo, Satish Kumar; delle Chiese riformate, Christopher Ferguson; del Friends World Committee for Consultation, Gretchen Castle; dell’islam, Abdul Muti; del World Council of Churches, Ioan Sauca; della World Evangelical Alliance, Thomas Schirrmacher; di Temple Hesed, il rabbino Daniel Swartz; delle Assemblies of God Madureira, Abner Ferreira; della World Muslim League, Abdulaziz A. Sarhan. E ancora, Stefania Giannini, vicedirettore generale dell’Unesco per l’educazione, e Alessandro Gisotti, vicedirettore editoriale del Dicastero per la comunicazione, che ha moderato gli interventi. Una ventina di persone di tutto il mondo, provenienti da tradizioni e da Paesi differenti, che si sono confrontate sul tema dell’educazione, proprio nel giorno in cui si celebra la Giornata Unesco degli insegnanti, per rilanciare il Patto educativo globale promosso dallo stesso Papa Francesco. Ad ascoltarle, per raccoglierne indicazioni e suggerimenti, tra gli altri: il cardinale Versaldi e l’arcivescovo Zani, rispettivamente prefetto e segretario della Congregazione per l’educazione cattolica, il cardinale Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, e il vescovo Farrell, segretario del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cri-stiani.