· Città del Vaticano ·

Pubblicato un rapporto della missione di inchiesta indipendente

Libia: l’Onu denuncia violazioni dei diritti umani

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 ottobre 2021
Ginevra , 5. Probabili crimini di guerra e crimini contro l’umanità sarebbero stati commessi in Libia a partire dal 2016, in particolare nei confronti di migranti e detenuti. È quanto emerge da un rapporto pubblicato, ieri, a Ginevra dalla missione di inchiesta indipendente di Fact finding delle Nazioni Unite sul Paese nordafricano. Il documento mette in evidenza crimini come omicidio, tortura, riduzione in schiavitù, esecuzioni extragiudiziali e stupro. «Ci sono ragionevoli motivi per ritenere che in Libia siano stati commessi crimini di guerra e che le violenze perpetrate nelle carceri e contro i migranti possono costituire crimini contro l’umanità», ha denunciato la missione di accertamento dei fatti in una nota nella quale si punta il dito contro tutti gli attori protagonisti della crisi. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno