· Città del Vaticano ·

Restauro e tradizione

La freccia di Notre-Dame

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 ottobre 2021
Adue anni dall’incendio che ha investito la Cattedrale di Notre-Dame, distruggendo la “freccia” e gran parte della sua copertura, il presidente francese, in visita al cantiere, ha confermato la conclusione dei lavori nei tempi previsti. Il 16 aprile 2024 le cinque navate, attraversate dalle note del Te Deum, saranno riaperte, pronte per accogliere le funzioni religiose. Macron ha ribadito un impegno che, seppure dovesse avere qualche ritardo, comunque giustificato dalla pandemia che ha colpito duramente la Francia, dimostra la volontà di restituire con tempestività — solo cinque anni — al mondo intero un monumento di grande pregio, ma soprattutto uno dei simboli più significativi e importanti di Parigi. La storia dell’edificio è alquanto complessa e, proprio per la sua forza rappresentativa, ha sempre ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno