· Città del Vaticano ·

L’impatto della pandemia sui diritti dei migranti

05 ottobre 2021
New York, 5. «Mentre il mondo rimane concentrato sulla ripresa dall’impatto onnicomprensivo della pandemia di covid-19, dobbiamo valutare anche l’impatto che questo sta avendo sui migranti e imparare da esso. L’attuale sistema, che è stato completamente sovraccaricato, fatica a rispondere adeguatamente». Queste le parole pronunciate da Francesca Di Giovanni, sotto-segretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati, sezione multilaterale, capo della delegazione della Santa Sede alla 72a riunione dell’Executive Committee of the High Commissioner's Programme delle Nazioni Unite, svoltasi a Ginevra oggi, 5 ottobre. Al centro dell’intervento, il rapporto tra pandemia e migranti, e le conseguenze della prima sui diritti dei secondi. «Purtroppo, in molte regioni del mondo, milioni di rifugiati non possono godere ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno