· Città del Vaticano ·

Punti fermi tra le onde del mare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 ottobre 2021
Camminando per i corridoi ormai poco affollati del reparto di medicina interna si scrutano sguardi assenti, talvolta consumati dalle poche ore di sonno, talvolta sfiniti dai grandi drammi che colorano, violenti, le pareti sbiadite dell’ospedale. Se si guarda attentamente, si possono vedere anche gli studenti. È facile riconoscere la matricola inesperta tutta tesa a captare anche il più piccolo segnale che possa indicargli qualcosa da imparare o l’ormai vecchio ragazzo del sesto, che, appesantito dagli esami, cerca di finire le ore assegnate il prima possibile per poter richinare la testa sopra le sue “sudate carte”. Sembra quasi che il mondo si sia abituato al dolore, che il tempo e l’abitudine siano quasi più forti del grido straziante di una donna dilaniata dalle crisi di astinenza. Apparentemente tutto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno