· Città del Vaticano ·

Padre Guido Costantini e le Missionarie francescane della carità

Percorrere la strada dei poveri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 ottobre 2021
Padre Guido Costantini è stato «una delle figure più rappresentative del francescanesimo italiano del dopoguerra», come affermava padre Armando Quaglia ne «L’Osservatore Romano» il 27 aprile 1977, decennale del dies natalis. Il compianto vescovo di Acerra Antonio Riboldi lo definiva «uno di quegli speciali “samaritani” che Dio ha donato alla nostra epoca, perché il mondo continui a sperare, noi a essere più generosi, e i più poveri a ritrovare il sorriso perduto». Chi era padre Guido? Nell’arcidiocesi di Ancona-Osimo viene ancora ricordato col titolo di “benefattore”. Potrebbe risultare una definizione scarna, eppure è quella che emerge a colpo d’occhio in ogni ambiente della città e dell’intero comprensorio. Originario di un ridente paesino della Val ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno