· Città del Vaticano ·

Secondo l’Unicef dal 2015 quasi 10.000 minori sono stati uccisi

Ancora bambini tra le vittime delle violenze nello Yemen

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 ottobre 2021
Sana’a , 4. Si intensificano nello Yemen i combattimenti tra le truppe governative, sostenute dall’Arabia Saudita, e i ribelli huthi per la conquista della strategica città di Marib, ultima roccaforte dell’esecutivo nel nord del Paese. Combattimenti sempre più pesanti, che anche in questa occasione hanno visto coinvolti dei bambini. L’ufficio del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) in Medio Oriente e Nord Africa ha reso noto che due bambini, un fratello e una sorella, di due e quattro anni, sono stati uccisi ieri a Marib da un missile sparato dagli huthi. «Altri cinque bambini sembrano feriti, uno sarebbe un neonato di sette mesi. Alcuni di loro sono in condizioni critiche. Questo è il numero più alto di bambini uccisi e feriti in questa area dopo mesi di pesanti combattimenti dentro e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno