· Città del Vaticano ·

A colloquio con l’astrofisico Marco Bersanelli

I semi dell’universo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 ottobre 2021
«Oggi — ed è cosa straordinaria — abbiamo addirittura un’immagine dell’universo neonato: era denso, caldo, estremamente semplice e uniforme». Con queste parole, e non senza entusiasmo, inizia la sua conversazione con «L’Osservatore Romano» Marco Bersanelli, 61 anni, docente di fisica e astrofisica all’università statale di Milano. Per 25 anni ha svolto un ruolo di primo piano nel progetto spaziale Planck dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea. «Dal 2020, grazie al telescopio Planck lanciato nel 2009, abbiamo a disposizione l’immagine più nitida mai realizzata con la luce proveniente dalla frontiera ultima dell’universo osservabile, chiamata “fondo cosmico di micro-onde”: questa luce ha viaggiato per 13,8 miliardi di anni e dunque ci porta informazioni risalenti a 13,8 miliardi di anni fa, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno