· Città del Vaticano ·

Sarà consegnato dal Pontefice durante una cerimonia in Vaticano

Appello alla Cop26

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 ottobre 2021

Papa Francesco consegnerà in Vaticano lunedì mattina, 4 ottobre, un appello per il clima nelle mani degli onorevoli Alok Kumar Sharma, presidente designato della C op 26, e Luigi Di Maio, ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale dell’Italia. Lo ha reso noto ieri sera un comunicato della Santa Sede, nel quale si annuncia che nella giornata in cui la Chiesa festeggia san Francesco «si terrà l’incontro Faith and Science: Towards C op 26, che raccoglie leader religiosi e scienziati attorno ad un Appello rivolto ai partecipanti» alla Conferenza dell’Onu sul clima — in programma a novembre a Glasgow — che sarà organizzata dalla Gran Bretagna in partenariato con l’Italia.

L’iniziativa — che nasceva su proposta delle ambasciate dei due Paesi presso la Santa Sede ed è stata portata avanti insieme a quest’ultima — si è sviluppata tramite incontri virtuali mensili, cominciati dall’inizio di quest’anno, in cui i leader religiosi e gli scienziati hanno potuto condividere le loro preoccupazioni e i loro auspici verso una maggiore responsabilità per il pianeta e per il cambiamento necessario. Tali condivisioni hanno dato luogo a un Appello congiunto, che verrà firmato dai leader religiosi durante l’incontro di lunedì mattina in Vaticano, al termine del quale avverrà la consegna da parte del Papa. Nel pomeriggio si svolgerà inoltre un incontro a porte chiuse a Palazzo Borromeo, nell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede.

Alla sessione mattutina, nell’Aula della Benedizione, dopo un benvenuto da parte del direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, verrà letta una sintesi dell’Appello che sarà poi firmato dai presenti. A un momento di preghiera in silenzio seguiranno il saluto del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, e gli interventi dei giovani Daniele Guadagnolo e Federica Gasbarro che presenteranno la prospettiva delle nuove generazioni riunitesi a Milano per lo Youth4Climate. Dopo il discorso di Papa Francesco e la sua consegna dell’Appello, prenderanno la parola una ventina di leader religiosi. Quindi parleranno i presidenti delle Pontificie Accademie delle scienze e delle scienze sociali e l’arcivescovo segretario per i Rapporti con gli Stati, Paul Richard Gallagher. Infine con un gesto simbolico alcuni presenti deporranno terra su un ulivo che verrà piantato nei Giardini vaticani.