· Città del Vaticano ·

Tecnologie innovative contro lo spreco alimentare

01 ottobre 2021
In un mondo in cui si fatica a sconfiggere la fame e la malnutrizione, in cui ancora oltre 810 milioni di persone patiscono una grave insicurezza alimentare, lo spreco del cibo non può avere posto. Eppure ogni anno circa il 17% degli alimenti prodotti, 931 milioni di tonnellate di cibo, con un costo stimato in termini di denaro di 400 miliardi di dollari, finisce nei bidoni della spazzatura di famiglie, rivenditori e ristoranti. I dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), rilevano che il cibo sprecato dalle famiglie raggiunge l’11% del totale, il 5% è quello scartato nella ristorazione e il 2% nella vendita al dettaglio. E quando il cibo non viene consumato vanno sprecate anche tutte le risorse utilizzate per produrlo, tra cui acqua, terra, energia, lavoro e capitale. Inoltre, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno