· Città del Vaticano ·

Le Idee

Paternità in divenire

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 dicembre 2021

Siamo alla fine dello speciale Anno di san Giuseppe, alla vigilia del Natale, in mezzo all’Anno “Famiglia Amoris Laetitia”. In questo crocevia particolare, laddove per tradizione e cultura esce preponderante la figura della madre, abbiamo pensato di dedicare un numero di Donne Chiesa Mondo al padre: un focus sulla paternità oggi, chiamando a intervenire alcuni uomini e padri. Facendoli parlare e raccontare per quello che sono, che studiano e fanno. Per la loro esperienza professionale e famigliare. Per il loro essere padre. Per il loro sentirsi padre.

Assistiamo da anni a una trasformazione della figura del padre, anche in seguito al ruolo, nuovo e diverso, assunto dalle donne nella famiglia e nella società e ai nuovi percorsi della maternità. La paternità è provocata e messa in discussione, resa quasi pleonastica dalle biotecnologie e dalle tante riflessioni sulla “evaporazione” del padre: ma questo non è necessariamente un male. Si apre lo spazio per una riflessione, una ricerca, una visione che ispiri paternità più consapevoli, né rigide né fluide, ma vive e vitali.

Ecco allora un numero di Donne Chiesa Mondo inusualmente scritto quasi tutto da uomini.

Lo apriamo con la “scoperta” di un dipinto bellissimo e per secoli rimasto ignoto in una piccola chiesa: rappresenta la bottega di san Giuseppe, c’è la Sacra Famiglia intenta alle attività quotidiane. Scrive Claudio Strinati : «Il volto di Giuseppe immerso nell’ombra è nitidamente percepibile. E in questo modo rifulge il padre putativo della tradizione che significa la funzione paterna svincolata dal fattore biologico primario che compete esclusivamente alla madre».

Lo chiudiamo con un intervento di Andrea Monda, direttore dell’Osservatore Romano che racconta e condivide le emozioni vissute durante il suo recente incontro ai Musei Vaticani con Tim Burton, regista geniale e talento visionario che al tema della funzione paterna ha dedicato uno straordinario film. Monda ricorda che ha visto quel film, Big Fish, nel 2004 insieme a suo figlio, allora piccolo. E che, uscendo dalla sala, quello che ha provato è stato “un po’ di aeternitas”.

La responsabilità e il privilegio di essere padri. ( dcm )