· Città del Vaticano ·

San Girolamo

L’amore per le parole della Parola

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 settembre 2021
È intento allo studio, con il capo chino sui libri; il corpo, avvolto da un drappo color porpora che tanto ricorda il tendaggio di un palcoscenico: questo il fermo immagine di Girolamo, il santo della Sacra Scrittura, che offre Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, Ritraendolo così, con quello sguardo sui libri e non sul mondo, il pittore riesce a cogliere l’essenza di questo santo, dottore della Chiesa e incredibile figura del cristianesimo, che ha dedicato l’intera sua esistenza alla Parola. Lo studio della Bibbia, per lui, diviene ascesi, in un dialogo continuo e profondo con le parole e con la Parola. Quella di Dio. Il suo “cantuccio” — così lo definirebbe Giovanni Pascoli — è rappresentato dalle pagine della Scrittura: in queste, Girolamo è come se trovasse l’unica via per la perfezione ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno