· Città del Vaticano ·

La docuserie «McCartney 3,2,1»

Come professori in un laboratorio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 settembre 2021
Hanno il volto rilassato, Paul McCartney e Rick Rubin mentre parlano di musica. Mentre ascoltano, con attenzione, le celebri Michelle, I want to hold your hand, Ehy Jude, Come together e diversi altri brani dei Beatles o di Paul solista. Vanno avanti per tre ore, quasi, l’artista inglese e il produttore americano, lasciandosi attraversare dai suoni originali e commentandoli con un piacere riposante, appassionato e scherzoso, costruendo un'analisi tecnica su cui s'innestano — argomentandola, completandola — i ricordi delle relazioni, delle influenze musicali (c’è anche Bach) alla base di questo o di quel pezzo tanto familiare al mondo, comodamente seduto in un’ideale playlist sul Novecento. La chiacchierata ha il sapore corposo dell’esperienza, il magnetismo dell’eccezionale competenza. L’ascolto reciproco, il sorriso, la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno