· Città del Vaticano ·

A colloquio con la superiora generale delle Figlie di San Camillo

Servire il malato a costo della propria vita

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 settembre 2021
«Testimoniare l’amore sempre presente di Cristo verso gli infermi, anche con il rischio della vita. È questo il carisma che ci contraddistingue e lo porteremo avanti con tanta determinazione e volontà. Aiutare e curare più persone possibile in tutti i Paesi dove siamo presenti è per noi una priorità assoluta»: è quanto confida a «L’Osservatore Romano» suor Zelia Andrighetti, superiora generale delle Figlie di San Camillo che saranno impegnate dal 2 al 22 ottobre a Grottaferrata nel capitolo generale con il tema «Per l’umanità sofferente oggi». «Sono momenti veramente difficili quelli che stiamo vivendo in questo periodo contrassegnato dalla pandemia di covid-19 che ha messo a dura prova l’intera umanità», spiega la religiosa di origine ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno