· Città del Vaticano ·

Mancano gli autisti per le autobotti

Crisi del carburante in Gran Bretagna

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 settembre 2021
Londra , 28. Peggiora in Gran Bretagna la crisi del carburante innescata dalla mancanza di autisti di autobotti. Nel 90 per cento delle stazioni di servizio la benzina è andata esaurita, mentre nei distributori che ancora ne hanno i prezzi sono schizzati ai livelli più alti da otto anni. Da quando il gigante petrolifero Bp ha annunciato la chiusura di alcune delle sue stazioni perché non riesce a portare carburante alle pompe, le stazioni di servizio in tutto il Paese hanno registrato lunghe file di veicoli. E diverse aziende sono state esortate a lasciare che i dipendenti lavorino da casa. Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha chiesto un intervento «il prima possibile» dell’esercito. Ma, al momento, il primo ministro britannico, Boris Johnson, non sembra intenzionato a ricorrere ai soldati per fare ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno