· Città del Vaticano ·

«Questa terra è la nostra terra» di Suketu Mehta

Siamo qui perché voi siete stati lì

25 settembre 2021
Ci voleva un libro che, senza usare toni accesi ma puntando sulla semplice forza dei fatti, ricordasse all’occidente le sue responsabilità su come e perché il mondo di oggi è diventato ciò che è: un luogo in cui non c’è posto per chi fugge da un presente senza futuro. Questa terra è la nostra terra. Manifesto di un migrante dello scrittore e giornalista statunitense di origini indiane Suketu Mehta (2021, Torino, Einaudi, pagine 232, traduzione di Alberto Pezzotta, euro 19,50) è uno di quei libri necessari, perché dice verità che non tutti vogliono ascoltare e che taluni cercano anzi di stravolgere. Colonialismo, guerre, cambiamenti climatici non sono incidenti della storia. Sono conseguenza di decisioni che nei secoli hanno reso la vita difficile, se non impossibile, in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno