· Città del Vaticano ·

I vescovi canadesi chiedono perdono ai nativi

Percorso di guarigione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 settembre 2021
«Noi, vescovi cattolici del Canada, cogliamo l’occasione per dire a voi, popoli indigeni di questa terra, che riconosciamo la sofferenza vissuta nelle scuole residenziali indiane del Canada. Molte comunità religiose e diocesi cattoliche hanno partecipato a questo sistema, che ha portato alla soppressione delle lingue, della cultura e della spiritualità indigene», non rispettando la ricca storia, le tradizioni e la saggezza di questi popoli. È una dichiarazione storica quella che i presuli dello Stato nordamericano hanno presentato ieri, 24 settembre, al termine della plenaria che li ha visti riuniti: sono le scuse ufficiali alle comunità autoctone dopo la scoperta nei mesi scorsi di più di mille tombe vicino a ex pensionati che ospitavano bambini indigeni. L’episcopato canadese ha espresso ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno