· Città del Vaticano ·

La forza dei gesti quotidiani

24 settembre 2021
Quando il 13 marzo del 2013 da piazza San Pietro fu annunciata l’elezione al soglio pontificio di un cardinale proveniente dal sud del mondo, e che questi sceglieva di chiamarsi Francesco, fu palpabile il vibrare della storia che dopo 800 anni tornava a rispondere al grido dei poveri con il messaggio limpido del poverello di Assisi. Appena due anni dopo l’Enciclica Laudato si’ abbracciava l’intera umanità, risvegliando la coscienza di tutti e di ognuno sulla verità universale di una sola famiglia umana in un’unica casa comune. Quale fresco respiro questo passaggio della Chiesa possa aver donato alla famiglia francescana non si finirà mai di immaginare. Certo è che la Gioventù francescana è oggi più che mai carica di senso e di energia guardando alle sfide che il nostro tempo impone alle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno