· Città del Vaticano ·

Il nuovo patriarca di Cilicia degli armeni

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 settembre 2021

Il nuovo patriarca di Cilicia degli armeni, Raphaël Bedros xxi Minassian, è nato il 24 novembre 1946 a Beirut, in Libano. Ha compiuto gli studi presso il Seminario patriarcale di Bzommar (1958-1967) e ha studiato Filosofia e Teologia alla Pontificia Università Gregoriana (1967-1973) in Roma, dove ha frequentato anche il corso di specializzazione in psicopedagogia presso la Pontificia Università Salesiana. Il 24 giugno 1973 è stato ordinato sacerdote come membro dell’Istituto del clero patriarcale di Bzommar, e fino al 1982 è stato parroco della cattedrale armena di Beirut; poi dal 1982 al 1984 segretario del patriarca Hovannes Bedros xviii Kasparian, e dal 1984 al 1989 incaricato di fondare il complesso parrocchiale della “Santa Croce” di Zalka, Beirut. Dal 1975 al 1989 è stato giudice al tribunale ecclesiastico della Chiesa armena sempre nella capitale libanese. Al contempo ha insegnato liturgia armena all’Università Pontificia di Kaslik dal 1985 al 1989, anno in cui è stato trasferito negli Stati Uniti d’America, dove ha lavorato fino al 1990 come parroco a New York. Successivamente, fino al 2003, è stato parroco per gli armeni cattolici in California, Arizona e Nevada. Dal 2004 ha diretto “Telepace” Armenia, di cui è fondatore. Nel 2005 è stato nominato esarca patriarcale di Gerusalemme ed Amman per gli armeni e il 24 giugno 2011 è stato eletto ordinario per i fedeli armeni cattolici dell’Europa Orientale, con assegnazione da parte del Santo Padre della sede titolare vescovile di Cesarea di Cappadocia degli armeni e del titolo di arcivescovo ad personam. Dal 24 al 26 giugno 2016 ha accolto Papa Francesco durante il suo viaggio apostolico in Armenia.