· Città del Vaticano ·

Francis Scott Fitzgerald e il sogno americano

Come tante barche controcorrente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 settembre 2021
È possibile rivivere il passato? A tale interrogativo Gatsby non ha dubbi. “Sì certo che si può!”. E s’impegna in una promessa solenne: «Io metterò tutte le cose come erano prima», esclama. Si tratta di una promessa che, in realtà, tradisce una grande paura: quella di non poter ricomporre i frammenti del sogno (infranto) inseguito da tanti, forse da troppi: quello del cosiddetto “sogno americano”, nutrito di un accorato anelito alla libertà che sembra dileguarsi più è intenso lo sforzo per ghermirla. Nel capolavoro di Francis Scott Fitzgerald (il 24 settembre ricorrono i 125 anni dalla nascita) il sogno del “grande” Gatsby si spezza nell’atto di riconquistare l’amata Daisy. Ma la finzione narrativa si carica di una spiccata valenza fattuale: è una generazione ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno