· Città del Vaticano ·

Riproposta la biografia di Armida Barelli a cura di Maria Sticco

Quando sbottò: «Non sono la Polonia!»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 settembre 2021
«Non dia retta alle donne, Padre. Ragioni con la sua testa e non con la testa di una bella bambola». Siamo nell’autunno del 1919, quando durante una riunione del comitato promotore per la costituzione dell’Università Cattolica di Milano, uno dei convenuti si rivolge con queste parole a padre Agostino Gemelli. Ma chi è la «bella bambola» a cui si fa riferimento? È Armida Barelli (1882-1952), detta Ida, che era intervenuta nel corso dell’incontro per difendere l’idea, già esposta da Gemelli, della necessità di intitolare il nuovo ateneo al Sacro Cuore di Gesù contro chi invece sosteneva che non fosse una scelta né opportuna né prudente, perché difficile da coniugare con le più alte e razionali esigenze del sapere accademico. Per Barelli non vi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno