· Città del Vaticano ·

Chiusi 153 tra giornali, radio e tv

Media a rischio in Afghanistan

22 settembre 2021
Kabul , 22. I media afghani sono sempre più in difficoltà e rischiano di sparire. Dal 15 agosto scorso, giorno in cui i talebani hanno conquistato Kabul, ben 153 media — tra giornali, radio e televisioni — hanno infatti chiuso i battenti. Il preoccupante dato è stato reso noto dalla Federazione dei giornalisti dell’Afghanistan e dall’Unione nazionale dei giornalisti afghani, che hanno lanciato un appello per i media, letteralmente strozzati dal collasso economico di un Paese la cui realtà vorrebbero continuare a raccontare, comprese le restrizioni imposte dai talebani. «In passato avevamo progetti e finanziamenti con il governo e organizzazioni non governative, più sostegno economico tramite la pubblicità. Ora, invece, facciamo fatica e se continua così non potremo far altro che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno