· Città del Vaticano ·

Liquidità dalla Banca centrale cinese per salvare Evergrande

22 settembre 2021
Pechino , 22. Evergrande, il più grande promotore immobiliare cinese, oberato da oltre trecento miliardi di yuan di debito, ha dichiarato oggi di aver raggiunto un accordo con i possessori cinesi di obbligazioni (del 5,8 per cento del settembre del 2025) che dovrebbe consentire il pagamento di interessi sul debito onshore, per un valore di 232 milioni di yuan (35,9 milioni di dollari), ed evitare il default alla scadenza fissata per domani. Il gruppo immobiliare non ha però reso noto come salderà una cedola da 83,53 milioni di dollari su un’obbligazione offshore, in scadenza sempre domani. Intanto, ieri la Banca centrale cinese ha iniettato 120 miliardi di yuan nel sistema bancario attraverso meccanismi di rifinanziamento a breve termine, allontanando i timori di un contagio della crisi finanziaria, e permettendo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno