· Città del Vaticano ·

L’assoluto e la minaccia della manipolazione

22 settembre 2021
Il valore assoluto della persona si fonda sul fatto che essa non solo partecipa dell’assoluto stesso, ma ne è costituita nella sua essenza, secondo la fondamentalissima tesi di Agostino per la quale Dio è ciò che è più intimo e quindi più proprio della persona. Per questo l’uomo non può conoscere l’assoluto allo stesso modo in cui conosce ogni altra realtà con la quale entra in rapporto, ma nel conoscerlo, proprio in quanto è costitutivo del suo proprio essere, non lo può porre di fronte a sé, non lo può oggettivare, ma lo può sempre soltanto interpretare, cioè lo può dire soltanto dicendo se stesso. Le interpretazioni non sono però semplicemente conoscenze limitate, ma comprensioni di una verità inesauribile, che come ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno