· Città del Vaticano ·

Pericolosi perché fanno pensare?

21 settembre 2021
Il meraviglioso mago di Oz è il romanzo che all’inizio del Novecento sconvolse i ragazzini americani. Lyman Frank Baum (1856-1919), del resto, era stato il primo, negli Stati Uniti, a scrivere una storia di genere fantastico. Una storia che — complici pure le innumerevoli trasposizioni cinematografiche realizzate (la più celebre è quella del 1939 con Judy Garland) — oggi è difficile non conoscere. Dorothy è la bambina che, insieme al suo cagnolino Totò, viene trasportata, a causa di un violento ciclone che si abbatte sul Kansas, in un mondo magico e bellissimo. È qui che — accompagnata dallo spaventapasseri in cerca di un cervello, dal boscaiolo di latta che vorrebbe un cuore e dal leone a cui manca il coraggio — la piccola diventerà protagonista di un viaggio per la realizzazione ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno