· Città del Vaticano ·

L’emergenza climatica è come la pandemia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 settembre 2021

Il mondo è sempre più alle prese con eventi climatici estremi. Da New York, dove è in corso la 76ª Assemblea generale dell’Onu, il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e il presidente del Consiglio dei ministri italiano, Mario Draghi, hanno lanciato un forte allarme. L’emergenza climatica è da equiparare alla pandemia di covid-19, è il senso dell’intervento di Draghi al Palazzo di Vetro. Anche Guterres non ha usato mezzi termini per indicare la gravità della situazione, auspicando una immediata e decisa azione per evitare una «catastrofe climatica». Guterres ha sottolineato la necessità di un taglio alle emissioni di gas serra del 45 per cento entro il 2030. «Se non cambiamo collettivamente rotta c’è un alto rischio di fallimento della Cop26», ha precisato. Notizie poco rassicuranti giungono anche dall’Amazzonia brasiliana, dove ad agosto l’area di deforestazione è stata la più grande mai osservata in questo mese da 10 anni.