· Città del Vaticano ·

Prima il riconoscimento internazionale, poi i diritti umani

L’avvertimento dei talebani

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 settembre 2021
Kabul, 21. Se la comunità internazionale non riconoscerà la legittimità del loro governo in Afghanistan, i talebani non affronteranno le questioni legate ai diritti umani, a partire da quelli delle donne. Lo ha dichiarato in un’intervista a Tolo News il vice ministro dell’Informazione e della Cultura del nuovo governo talebano, Zabihullah Mujahid. «Finché non verremo riconosciuti» e i Paesi stranieri «continueranno a criticarci sui diritti umani, lo considereremo un approccio unilaterale. Sarebbe opportuno che ci trattassero responsabilmente e riconoscessero il nostro governo attuale come amministrazione legittima dell’Afghanistan. Solo dopo potranno condividere ufficialmente le loro preoccupazioni con noi e noi le affronteremo», ha precisato Mujahid a Tolo News. L’avvertimento ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno