· Città del Vaticano ·

Da Kabul a Fiumicino con il mago di Oz

Inseguendo i palloncini
con una scarpetta rossa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 settembre 2021
Accoglienza e scambi nel racconto dei medici Teresa Esposito e Cesare Marino «Se ci penso, ancora mi commuovo». Ha la voce rotta dall’emozione la dottoressa dell’Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) Teresa Esposito, responsabile dell’Unità territoriale dell’aeroporto di Fiumicino. A questo giornale, Esposito racconta i giorni passati, quelli in cui, data la sua qualifica, ha dovuto far fronte — insieme alle altre professionalità afferenti al Ministero della Salute, a quello della Difesa, alla Croce Rossa e alla Protezione Civile — all’“emergenza” afghana, e dunque, prima di ogni altra definizione, a un vero e proprio dramma umano. «La scena a cui faccio riferimento — spiega la dottoressa — riguarda una bambina di cinque o sei anni. È atterrata con un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno