· Città del Vaticano ·

La figura di san Giuseppe da Copertino raccontata dal rettore del santuario di Osimo

Un mistico dal tratto mariano

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021
Sul colle che guarda dirimpetto il Conero, sorge Osimo, antico abitato piceno, già prestigiosa sede vescovile. La città, che conta quasi trentaseimila anime, ospita il terzo centro dei Frati minori conventuali, dopo Assisi e Padova. «Nessuno può negare che Assisi e Padova siano due grandi poli, sia pur con tratti spirituali e pastorali diversi tra loro. È storicamente accertato che Francesco ed Antonio si siano incontrati per la prima volta nel 1221», ha esordito padre Giancarlo Corsini, rettore della basilica-santuario di San Giuseppe da Copertino in Osimo, già ministro provinciale dei conventuali delle Marche. «Assisi è per la cristianità un deposito di profezia; la profezia di un uomo fatto Vangelo, ma anche di un uomo che attraverso il Vangelo ha realizzato pienamente ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno