· Città del Vaticano ·

Le vacanze romane di Tennessee Williams

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021
Amava in particolare il sorriso degli italiani Tennessee Williams e per lui venire in Italia era sempre una “vacanza”. I colori, gli odori, il clima del Bel Paese rappresentavano per lo scrittore statunitense un “balsamo” con cui alleviare, per quanto possibile, i dolori e le delusioni sofferti negli Stati Uniti, dove le sue opere, tra l’altro, non erano sempre accolte con il dovuto favore. La conferma di questa passione per l’Italia viene anche dal racconto inedito trovato in questi giorni tra gli archivi dell’Università di Harvard. Scritto nel 1952, s’intitola The Summer Woman. È ambientato a Roma e l’amore per l’Italia si focalizza, in questo caso, sulla città eterna, la cui bellezza viene elogiata dallo scrittore con animo commosso. Roma fa da sfondo (anche se in realtà ne è anche protagonista) alla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno