· Città del Vaticano ·

Si terrà a Malaga il secondo Forum paneuropeo delle confraternite

Laici protagonisti dell’evangelizzazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021

I laici protagonisti della vita della Chiesa. Potrebbe essere lo slogan delle confraternite e dei sodalizi diffusi capillarmente in molti Paesi europei. Affondano le loro radici nella partecipazione degli iscritti all’evangelizzazione e alla promozione umana. Portano avanti la loro missione attraverso forme di solidarietà ed espressioni della devozione popolare che le rendono vere scuole di comunione e di carità. Per riflettere sul loro ruolo in questo momento storico, si svolgerà un importante e duplice appuntamento: il ii Forum paneuropeo delle confraternite, dal 23 al 24 settembre, con il patrocinio del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, e, contemporaneamente, il iv Congresso internazionale di hermandades y cofradías, che vanta il patrocinio, tra gli altri, del Pontificio Consiglio per la cultura e che si tiene nei giorni dal 23 al 25.

La sede scelta è quanto mai significativa: la Spagna, che conta ben diecimila sodalizi con tre milioni di membri. Anche la città individuata per l’incontro è importante: Malaga, in terra andalusa, nel profondo sud del continente europeo, affacciata sul Mediterraneo di fronte alle coste africane. Un centro nevralgico di scambio tra culture e realtà ecclesiali diverse, dove si celebra proprio quest’anno il centenario di fondazione della Agrupación de cofradías de Semana Santa. Infatti, l’evento della prossima settimana si inserisce nella ricca agenda di iniziative sorte per commemorare l’istituzione di quella che ormai raggruppa decine di sodalizi e che ebbe il suo inizio il 21 gennaio 1921.

Il iv Congresso internazionale verrà aperto dall’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Dicastero per la nuova evangelizzazione, con la prolusione su «La religiosità popolare come fonte di evangelizzazione». Il ii Forum paneuropeo — al quale interverrà lo stesso presule con una riflessione sul tema «La sfida delle fraternità e confraternite nel panorama attuale d’Europa» — si inserisce nel percorso di censimento e aggregazione delle confraternite d’Europa, iniziato lo scorso anno a Lugano sostenuto e patrocinato dal Pontificio Consiglio presieduto da monsignor Fisichella e dal Consiglio delle Conferenze episcopali europee.

Promosso dalla Confederazione delle confraternite d’Italia, dall’Unione delle confraternite di Lugano e dalla Maintenance di Francia — a cui si sono aggiunte le rappresentanze di Malta, Polonia, Portogallo e Svizzera, ma anche quelle provenienti dal Sud America — il Forum mira tra l’altro a definire durante i lavori l’atto costitutivo di un’entità sovra-nazionale che rappresenti i sodalizi, con la stesura della prima versione ufficiale dello Statuto. Verranno presentati anche alcuni progetti in corso: tra questi, il convegno e la mostra sui miracoli eucaristici a Bolsena, programmato per il 4 e 5 giugno 2022; la richiesta all’Unesco per il riconoscimento quale bene immateriale della devozione popolare delle confraternite; la costruzione di un portale quale museo virtuale della pietà popolare e devozione delle confraternite. Inoltre, verrà discusso lo status teologico dei sodalizi, con la presentazione del lavoro programmatico della commissione teologica istituita presso la facoltà di Teologia di Lugano.