· Città del Vaticano ·

La mostra su Maria Montessori e Bruno Munari

Imparare a toccare la bellezza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021
«Il primo avanzarsi di quella piccola mano verso le cose, lo slancio di quel movimento che rappresenta lo sforzo dell’io di penetrare nel mondo dovrebbe riempire l’animo dell’adulto di ammirazione. L’uomo invece ha paura di quelle mani piccoline tese verso gli oggetti senza valore e senza importanza che lo circondano; e si atteggia a difesa degli oggetti contro il bambino. Egli si affanna a ripetergli: non toccare!». Così scriveva nel 1936 Maria Montessori nel suo libro Il segreto dell’infanzia. In effetti, è davvero assai difficile trovare chi non sia mai stato raggiunto, da ragazzino, dal più diffuso degli ordini perentori proveniente da adulti preoccupati e indispettiti, l’“imperativo categorico” al quale non sfuggono nemmeno i fanciulli di oggi: “Non toccare!”, continua infatti a essere la locuzione ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno