· Città del Vaticano ·

San Francesco Maria da Camporosso

Con la bisaccia della carità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 settembre 2021
A Genova, lungo le antiche mura del porto, si erge maestoso un gruppo scultoreo che vede protagonista un frate cappuccino dalla lunga barba. Veste un saio, stretto dall’immancabile cordone penzolante lungo l’abito. Una mantellina ricopre le sue ampie spalle. Il Rosario è ben in vista, ma spicca soprattutto la sua sacca a tracollo. Il frate con la mano destra indica la Madonna delle Grazie — il santuario posto dietro di lui — mentre lo sguardo è rivolto alle altre figure che compongono questo bellissimo monumento, realizzato nel 1962 dall’artista Guido Galletti (Londra 1893 - Genova 1977). Il monumento campeggia silenzioso in una piazza. E, in quel silenzio rotto solo dalle onde del mare ligure, sembrano ascoltarsi le voci degli altri personaggi che circondano il frate. Sono un marinaio, un pover’uomo a torso nudo e una donna ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno