· Città del Vaticano ·

Niger: sempre più bambini uccisi o reclutati dai jihadisti

17 settembre 2021
Amnesty international ha denunciato il numero crescente di minori uccisi o reclutati dai gruppi terroristici armati nei conflitti che imperversano in Niger, in particolare nelle aree di confine del Burkina Faso e del Mali, dove gli attacchi jihadisti si sono intensificati negli ultimi mesi. L’organizzazione in un nuovo rapporto, pubblicato lunedì, descrive l’impatto sempre più devastante del conflitto sui bambini nella regione nigerina di Tillabéri. «Un’intera generazione sta crescendo circondata da morte e distruzione», ha detto il vicedirettore di Amnesty per la risposta all’emergenza. L’area dei “tre confini” — che unisce Niger, Mali e Burkina Faso — è il bersaglio ricorrente degli attacchi di due gruppi jihadisti: lo Stato islamico nel Grande Sahara (Eigs) e il Gruppo di supporto per l’islam e i ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno