· Città del Vaticano ·

Dal Settecento ai giorni nostri

Napoleone

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 settembre 2021
L’edizione ripubblicata in questi giorni dalla minuscola ma meritoria casa editrice Labyrintus di Palermo dell’opuscolo L’innesto vaccino, poemetto scritto nel 1808 da Lorenzo Ponza, ha il pregio indubbio di accompagnare il testo con sette tavole riproducenti incisioni francesi e inglesi, coeve del redazione originale, capaci di inserire il lettore nelle tematiche che poco più di duecento anni fa accompagnarono la prima vaccinazione di massa, quella contro il vaiolo. L’atteggiamento no vax non è infatti per niente nuovo e si oppone alla vaccinazione fin dai suoi esordi, quando si trattava di inoculare nell'uomo il virus del vaiolo, anche se quello bovino. Anche le ragioni addotte per rifiutare la nuova tecnologia, predisposta per opporsi a un contagio che si valuta nel corso del Settecento uccidesse circa 400mila europei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno